Ciaspole in Val Pellice
Il Bosco della Biava

Ciaspole in Val Pellice - Il Bosco della Biava - Alpi Piemonte - Torino

Un’escursione in un magico bosco di abeti dal sapore nordico, su una facile pista che risale i pendii nord della Punta Fautet.

Comune
Bobbio Pellice

Parcheggio
Ponte Biava

Esposizione
Nord-Ovest

Stagione
Da dicembre a fine marzo

Livello
Facile / MR

Quota partenza
1024 m.

Quota massima
1547 m.

Sviluppo salita
4,5 km

Dislivello
+/ - 500 m.

Durata salita
1h40min


Ciaspole in Val Pellice - Bosco della Biava - Alpi Piemonte - Torino

DESCRIZIONE PERCORSO

Escursione che si svolge su di un versante nord dell’alta val Pellice dunque è adatta anche alla primavera avanzata, quando sui pendii assolati la mancanza di neve inizia a farsi sentire.
Pur non arrivando ad una cima, questa meta regala nella parte alta atmosfere incantate da grande nord, inoltrandosi all’interno di una splendida abetaia che evoca i grandi boschi del nord Europa.
Il percorso è facile, interamente su pista forestale, e non presenta particolari difficoltà tecniche o di orientamento. Non vi sono problemi legati al rischio valanghe dato che ci si muove sempre in boschi piuttosto fitti.

Dal parcheggio del Ponte Biava, attraversare il torrente Pellice e seguire la strada che si addentra nel bosco di faggi e betulle, tralasciando la deviazione a sinistra per il sentiero dell’Autagna.
Dopo alcuni tornanti si arriva ad una radura aperta con un bel gruppo di baite poste in posizione molto panoramica, sopra uno sperone roccioso.

Si sale ancora con ampi tornanti giungendo ad un bivio, a quota 1290 m., dove la strada principale prosegue in dolce pendenza verso ovest mentre una stradina secondaria parte in direzione sud est, salendo con pendenza più forte. Proseguire in direzione ovest sulla strada principale.
Molto presto si iniziano a scorgere i primi abeti. Si prosegue con pendenze mai forti tornando con un lungo tratto rettilineo sul versante nord ovest. Da qui ci si addentra in uno splendido bosco di abeti bianchi. Quest’ultima parte di salita è molto suggestiva, specie se si ha la fortuna di percorrerla subito dopo una nevicata, con gli alberi ancora ben coperti di neve fresca e farinosa.

Risalendo i tornanti della strada si arriva al termine della gita in corrispondenza di una bella baita ristrutturata, spesso utilizzata come ricovero per gli operatori forestali che compiono lavori di manutenzione.
Discesa per lo stesso percorso.

MAPPA ESCURSIONE

Per scaricare la traccia clicca qui.

LASCIA IL TUO COMMENTO

Se hai fatto recentemente questa escursione e vuoi segnalare qualcosa di particolare lascia il tuo commento qui sotto per aiutare gli altri a pianificare al meglio la propria gita.